Dagli egizi agli esseni

egypte-sphinx

Ai tempi degli antichi Egizi, quando la terra rossastra colorava Kemi, il nome dato all’antico Egitto, il terapeuta era sacerdote ed anche medico, erborista, astronomo, psicologo, astrologo..

La medicina era per l’anima, il corpo e per lo spirito del “tutto” inscindibile. Si domandava allora al terapeuta di “riunire il Tutto”. Cuore, conoscenza e volontà erano le qualità dei terapeuti.

All’epoca degli antichi popoli, per gli  Esseni, che vivevano principalmente sulle rive del Mar Morto, questi principi si ancoravano ad un modo di vivere che integrava la spiritualità, la salute, il quotidiano e i ritmi della natura e che portava spesso il terapeuta ad operare dove veniva chiamato ed a fare a volte lunghi spostamenti.

Con il passare dei secoli, queste tradizioni tramandate oralmente, si sono disperse, diluite, svuotate del loro senso originale. Nutrendosi alla sorgente di queste tradizioni, questa formazione conserva la via della ricerca spirituale per l’”Essere” sè stessi con un approccio che unifica cuore, intuizione e ragione.

Per ulteriori spiegazioni specifiche  sulle terapie e sulla formazione consultare la rubrica corrispondente.

Praticava una medicina dell’anima, del corpo e dello spirito, era un “Tutto” indissociabile. Per essere terapeuta doveva vivere “L’unione della totalità”. La conoscenza del cuore e della volontà erano i suoi attributi che egli viveva nella sua vita quotidiana

Successivamente gli Esseni, popoli che vivevano principalmente sulle rive del Mar Morto, hanno continuato uno stile di vita che integrasse spiritualità e salute nella vita quotidiana.

Nel corso dei secoli, queste tradizioni, trasmesse solo oralmente, si sono disperse, diluite, svuotate del loro significato originale. Bevendo dalle fonti di queste filosofie, la formazione in Terapie Egizio Essene mantiene la rotta verso la ricerca spirituale di “essere” se stessi, con un approccio che unisce cuore, intuizione e ragione.

Per spiegazioni più specifiche su assistenza e formazione, consultare le sezioni corrispondenti.

La tradizione vedica e buddista

Attingendo alle antiche tradizioni indiane, vediche e tibetane ritroviamo delle saggezze che hanno condotto e conducono ancora oggi l’umanità in Oriente e ancora di più oggi le ritroviamo in Occidente.

Una di queste correnti è quella dell’Ayurveda, una scienza della vita che contempla una visione globale della salute da oltre 5000 anni e che conosce e guarisce attraverso “i nadi” che sono 72.000 canali sottili in cui la vita fluisce alimentando la struttura dell’essere.

Unendo i fili sottili di più tradizioni, avremo un tessuto di conoscenza ricco di pratiche utili, rese disponibili da Bernard Rouch che ha vissuto in India fin da molto piccolo ed ha trascorso lunghi periodi nel  monastero buddista dove vive la madre e per questo condivide ai corsi di formazione, l’essenza di queste tradizioni orientali.

Loading...